Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Nota Stampa - Conferenza pre-Med Dialogues a New York

Data:

11/10/2019


Nota Stampa - Conferenza pre-Med Dialogues a New York

New York, 9 ottobre 2019. Una tappa importante del percorso di preparazione dei Mediterraean Dialogues, che si terranno dal 5 al 7 dicembre a Roma, si e’ svolta oggi a New York presso la Rappresentanza Permanente italiana all’ONU che ha ospitato la conferenza “No quick fix: the United Nations and the Mediterranean region in times of uphheaval”. L’evento, realizzato dalla Rappresentanza in partenariato con l’Istituto Italiano per gli Studi Politici Internazionali (ISPI) e aperto dall’Ambasciatrice Zappia, ha visto la partecipazione dell’Assistant Secretary-General dell’ONU per il Medioriente, l’Asia e il Pacifico Mohamed Khaled Khiari e dei rappresentanti dei paesi della regione e di alcuni paesi membri del Consiglio di Sicurezza che si sono confrontati con gli esperti dei think thank internazionali International Crisis Group, Atlantic Council, Elcano Royal Institute e Royal United Services Institute su questioni mediterranee e ruolo delle Nazioni Unite nella regione.

La conferenza e’ il primo evento pre-Med che si tiene a New York. La soluzione delle crisi che interessano la regione mediterranea e il Medioriente allargato non puo’ prescindere dal ruolo delle Nazioni Unite. L’Italia lavora all’ONU affinche’ la prospettiva mediterranea resti prioritaria e affinche’ si approdi a soluzioni concrete, che pongano al centro gli sforzi diplomatici dei Rappresentanti e degli Inviati Speciali ONU, gli interventi delle missioni di pace e delle Agenzie onusiane. L’Italia e’ tra i maggiori contributori all’azione dell’Organizzazione e ne sostiene il ruolo centrale in tutti i principali teatri di crisi, a cominciare dalla Libia.

I fattori di instabilita’ che convergono sul Mediterraneo – pressione migratoria, terrorismo, traffico di esseri umani, disuguaglianze economiche, tensioni e conflitti interstatali e civili – non possono essere affrontati da un singolo Stato ne’ considerati singolarmente. E’ indispensabile un’azione collettiva e multidimensionale realizzabile solo attraverso i meccanismi multilaterali. Le Nazioni Unite sono lo strumento principale di cui la comunita’ internazionale dispone, ma che deve essere in grado di rinnovarsi per fornire risposte efficaci. La conferenza pre-Med vuole fornire un contributo di idee a questo processo, a testimonianza del saldo impegno dell’Italia per un multilateralismo efficace.

Giunti alla loro quinta edizione, i Med Dialogues, promossi dall’ISPI in collaborazione con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, sono un’affermata piattaforma di alto livello che si riunisce ogni anno a Roma per discutere ed elaborare un’agenda positiva per la stabilizzazione e lo sviluppo del Mediterraneo.

 


1469