Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Nota Stampa – Briefing in Consiglio di Sicurezza su Ucraina

Data:

06/06/2022


Nota Stampa – Briefing in Consiglio di Sicurezza su Ucraina

NOTA STAMPA

 

New York, 6 giugno 2022. Massari al Consiglio di Sicurezza su Ucraina, due gli strumenti da usare per prevenire la violenza sessuale e la tratta di donne e minori.

L’Italia è intervenuta in Consiglio di Sicurezza alla riunione umanitaria sull’Ucraina, la prima organizzata dalla presidenza di turno albanese nel contesto del suo biennio in Consiglio (biennio per il quale l'Italia sta svolgendo un'attività di sostegno all'Albania).

Alla riunione, sul tema della violenza sessuale e del traffico di donne e bambini, il Rappresentante Permanente d’Italia all’ONU Maurizio Massari ha ricordato come le donne ucraine rappresentano la maggioranza delle vittime di violenza sessuale e di traffico di esseri umani in questo e in tutti i conflitti. Il traffico di esseri umani costituisce infatti l'ennesimo canale di violenza e sfruttamento sessuale. “Lo stupro è come un'aggressione militare su scala individuale”. Le conseguenze si ripercuotono anche sui bambini delle vittime, con una vita da sfollati o rifugiati, che li espone a un ulteriore rischio di violenze e traffico, privandoli di un futuro.

Due sono i principali strumenti per prevenire questi crimini di guerra: il primo è rafforzare e attuare il quadro giuridico per l’accertamento delle responsabilità e per la consegna dei responsabili alla giustizia; il secondo è l’assistenza umanitaria per proteggere donne e bambini dai terribili crimini commessi in Ucraina. “Dobbiamo usarli entrambi”, ha affermato l’Ambasciatore.

“Ovviamente la principale soluzione per mettere fine a questi crimini è la fine del conflitto armato. Reitero perciò l’appello alla Federazione Russa a fermarlo’.

“Dobbiamo confrontarci con la terribile realtà che è ancora in gran parte ‘senza conseguenze’ stuprare una donna nei conflitti armati” - ha continuato l’Ambasciatore. “Per evitare il rischio dell'impunità, dobbiamo aumentare la certezza di conseguenze legali per tutti coloro che commettono questo barbaro crimine di guerra”.

Per questo l'Italia ha inserito la tratta di persone nei conflitti tra le priorità del suo mandato in Consiglio di Sicurezza nel 2017, un lavoro sfociato nell’adozione unanime della Risoluzione 2388 sulla lotta alla tratta di persone. L'Italia sostiene inoltre la ratifica e l'attuazione universale della Convenzione ONU di Palermo e il suo Protocollo sulla tratta di persone, e accoglie con favore l’accordo di collaborazione recentemente siglato fra Ucraina e ONU sul tema della violenza sessuale nei conflitti.

Infine, quando le indagini penali da parte di tribunali nazionali o internazionali sono impossibili o inefficaci, l'Assemblea Generale dovrebbe poter creare meccanismi internazionali di accertamento dei fatti per condurre indagini “sensibili al genere” e garantire la raccolta e la conservazione delle prove.


1967