Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Il Rappresentante Permanente

 

Il Rappresentante Permanente
 
 3ph.enzo barracco
 
 (Crediti fotografici: Enzo Barracco, Fotografo e Climate Artist)

 

MAURIZIO MASSARI

Ambasciatore, diplomatico di carriera con oltre trent’anni di esperienza, Maurizio Massari e’ il Rappresentante Permanente d’Italia presso le Nazioni Unite a New York. Nel luglio 2022, assume la carica di Vice Presidente del Consiglio Economico e Sociale delle Nazioni Unite (ECOSOC) con mandato fino al luglio 2023. Dal 2021 e' "International Gender Champion". In precedenza ha ricoperto l’incarico di Rappresentante Permanente presso l'Unione Europea (giugno 2016 – maggio 2021), e di Inviato Speciale del Ministro degli Affari Esteri per il Mediterraneo e il Medio Oriente (2012-2013).

ESPERIENZE PROFESSIONALI
• Servizio presso il corpo Diplomatico italiano dal 1985;
• Promosso al grado di Ambasciatore il 20 gennaio 2015.

All’estero:
• Bruxelles (giugno 2016 – maggio 2021) Rappresentante Permanente d’Italia presso l'Unione Europea;
• Il Cairo (febbraio 2013) Ambasciatore Straordinario e Plenipotenziario d’Italia in Egitto;
• Belgrado (gennaio 2003) Ambasciatore, Capo Missione OSCE (Organizzazione per la Sicurezza e Cooperazione in Europa) in Serbia e Montenegro;
• Washington (luglio 1998 – giugno 2001) Primo Consigliere politico all’Ambasciata d’Italia, responsabile in particolare per le politiche statunitensi nei confronti della Russia e della ex Unione Sovietica, l’Europa Centrale e Occidentale e i Balcani Occidentali. Responsabile per i rapporti dell’Ambasciata con i think tank e le Università americane;
• Londra (luglio 1990 – giugno 1994) Vice Responsabile della sezione economico-commerciale all’Ambasciata d’Italia, incaricato degli affari economici bilaterali e multilaterali e delle politiche UE;
• Mosca (novembre 1986 – luglio 1990) Responsabile della sezione stampa e politica interna sovietica all’Ambasciata italiana, incaricato della stampa russa e occidentale e dell’attività di reporting al Governo italiano degli sviluppi politici russi e sovietici.

Incarichi presso il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale:
• (gennaio 2012 - febbraio 2013) Inviato Speciale del Ministro degli Esteri per il Mediterraneo e il Medio Oriente;
• (2009 – gennaio 2012) Capo del Servizio Stampa e Portavoce del Ministro;
• (2007 - 2008) Capo dell'Unità di Analisi e Programmazione, e co-presidente del Gruppo Riflessione Strategica con Marta Dassù, con cui è co-autore del “Rapporto Italia 2020. Le scelte di politica estera”;
• (giugno 2001 – dicembre 2002) Capo dell’Ufficio Balcani Occidentali, responsabile per la politica estera italiana verso i Paesi della Ex Jugoslavia e Albania;
• (giugno 1996 – agosto 1997) Vice Coordinatore Affari UE nella Direzione Generale Affari Economici. Membro della delegazione speciale italiana alla Conferenza Intergovernativa per il trattato di Amsterdam;
• (giugno 1994 – giugno 1996) Capo di Gabinetto del Vice Ministro degli Affari Esteri;
• (febbraio 1985 – novembre 1986) Vice Capo della sezione, alla Direzione Generale Affari Economici, responsabile per le relazioni economiche bilaterali con l’Europa Occidentale, il Canada e gli Stati Uniti.

STUDI
• Master’s Degree in “International Public Policy” (2001) alla Johns Hopkins University in Washington D.C. Un estratto della tesi di laurea è pubblicato sull’International Spectator con il titolo "US Foreign Policy Decisionā€Making during the Clinton Administration”;
• Fellowship’s Certificate (1998) presso il “Weatherhead Center for International Affairs” della Harvard University, Cambridge, MA;
• Laurea in Scienze Politiche presso l’Università “L’Orientale” di Napoli (1982), con specializzazione in Affari dell’Europa Orientale.

PUBBLICAZIONI
• È autore di libri in italiano sulle riforme politiche sotto Gorbachev (La Grande Svolta: Le Riforme Politiche in Unione Sovietica 1986-1990) e sulla Russia del post-comunismo (Russia: Democrazia europea o potenza globale, 2009);
• Saggi e articoli, in italiano e in inglese, sulla politica estera russa e sugli sviluppi di politica interna; sulla politica estera UE e USA e sui Balcani Occidentali;
• E’ stato invitato a partecipare a numerosi seminari, lezioni ed eventi di dibattito presso conferenze internazionali e da istituti di ricerca e Università in Italia, Europa e USA.

LINGUE
• Parla fluentemente italiano, inglese e francese; ha una buona conoscenza del russo e una conoscenza base del tedesco.


7