Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Preferenze cookies

Videomessaggio dell’Ambasciatore Maurizio Massari sul Forum Politico di Alto Livello per lo Sviluppo Sostenibile (HLPF) (8-17 luglio 2024)

MAssari video HLPF

Per guardare il video, clicca qui: https://youtu.be/yT-VDOjyWnI?si=44Js2zKbN_8MLn9J

TESTO

L’HLPF ha appena preso il via presso le Nazioni Unite a New York e durerà fino al 17 luglio.
Perché è importante?

L’HLPF – o Forum politico di alto livello per lo sviluppo sostenibile – è la principale piattaforma delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile e ha un ruolo centrale nei seguiti e nella revisione dell’Agenda ONU 2030 per lo sviluppo sostenibile e dei suoi 17 Obiettivi (SDGs).

Il tema di quest’anno è “Rafforzare l’Agenda 2030 e sradicare la povertà in tempi di crisi multiple: la realizzazione efficace di soluzioni sostenibili, resilienti e innovative”.

L’Italia partecipa all’HLPF con una delegazione ministeriale e organizza diversi eventi collaterali a margine.

Quest’anno, il Forum si concentrerà su 5 SDGs che saranno oggetto di revisione:

L’SDG 1 sulla fine della povertà;
l’SDG 2 sulla “Fame Zero”
L’SDG 13 sull’azione per il clima;
L’SDG 16 sulla pace, la giustizia e le istituzioni forti;
L’SDG 17 sui partenariati per gli Obiettivi.

Due saranno gli eventi collaterali co-organizzati dall’Italia: il primo con UNDP su “Ambizione Climatica in un’era di Polarizzazione”; il secondo con UN Global Compact e con il coinvolgimento di aziende private, sul tema “Transformational Governance as a driver of responsible business”.

In qualità di presidente del Gruppo di Amici della Sicurezza Alimentare all’ONU e di Paese ospitante dell’hub agroalimentare dell’ONU a Roma, l’Italia è in prima linea nell’azione dell’ONU per l’obiettivo “Fame Zero” e interverrà nella sessione dedicata dell’HLPF.

L’Italia interverrà anche alla sessione sui Piccoli Paesi Insulari in Via di Sviluppo (SIDS), dopo l’importante Conferenza sui SIDS dello scorso maggio cofinanziata dall’Italia, che è anche stata vicepresidente della Conferenza. L’Italia è un partner di lunga data dei Paesi SIDS, che si distinguono, tra l’altro, per la loro vulnerabilità ai cambiamenti climatici e ai disastri naturali.
In questo contesto, l’Italia sta anche organizzando due riunioni dei Paesi donatori dell’Ufficio delle Nazioni Unite per la riduzione del rischio di disastri e dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica, di cui il nostro Paese è tra i principali donatori e partner.

L’Italia informerà inoltre gli Stati membri nella sessione dedicata all’ SDG16, a seguito della Conferenza di Alto Livello sull’SDG 16 organizzata all’ONU a New York lo scorso 6 maggio in collaborazione con DESA e IDLO, e aperta dal Presidente della Repubblica Italiana S.E. Sergio Mattarella.

Infine, l’Italia interverrà alla sessione dell’HLPF dedicata ai Paesi africani, ai Paesi meno sviluppati e ai Paesi in via di sviluppo senza sbocco sul mare, anche in connessione con la priorità attribuita all’Africa dall’attuale Presidenza italiana del G7.

A margine dell’HLPF, il Governo italiano firmerà alcuni MoU con enti ONU e con Paesi in via di sviluppo per la realizzazione di risultati concreti e progetti congiunti in materia di protezione ambientale.

Restate sintonizzati per ulteriori notizie sulla nostra azione.